TFashion - http://www.tfashion.camcom.it//

I requisiti

16 September 2016

Stampa

 

Per poter accedere al sistema volontario di tracciabilità le imprese devono: 

Le aziende che aderiscono al sistema di tracciabilità potranno applicare ai propri prodotti finiti una specifica etichetta che riporterà il luogo di realizzazione delle principali fasi di lavorazione; l’etichetta TF conterrà delle informazioni standard ma potrà essere personalizzata da ogni azienda.

Per le aziende che faranno un uso improprio o fraudolento della certificazione e del relativo marchio di tracciabilità è prevista, oltre alla sospensione/revoca della certificazione, la possibilità di sanzioni.

La certificazione del sistema di tracciabilità comporta il rilascio, da parte di Unionfiliere, del certificato e della licenza d’uso del marchio di tracciabilità. Per le imprese che applicano il sistema di tracciabilità a prodotti finiti, l’ottenimento della certificazione garantisce, inoltre, la possibilità di utilizzare l’etichetta di tracciabilità.

Possono essere esclusi dal campo di applicazione del sistema di tracciabilità tutti gli accessori e i materiali il cui contributo alla realizzazione del prodotto non superi, in termini di peso, il 15% dello stesso.

Il sistema organizzativo e documentale deve obbligatoriamente riguardare le seguenti fasi del processo produttivo:

Per il settore tessile-abbigliamento:

I.    Design (fase opzionale)
II.   Filatura
III.  Tessitura
IV.  Nobilitazione
V.   Confezione.

Per il settore calzaturiero:

I.    Design (fase opzionale)
II.   Concia pellame
III.  Lavorazione Tomaia
IV.  Lavorazione Suola
V.   Assemblaggio Calzatura
VI.  Rifinitura Calzatura.

Per il settore pelletteria:

I.    Design (fase opzionale)
II.   Concia
III.  Taglio
IV.  Preparazione
V.   Assemblaggio
VI.  Rifinitura.

Per il settore pellicceria:

I.    Design (fase opzionale)
II.   Concia
III.  Taglio
IV.  Assemblaggio
V.   Confezione.

Per il settore metalli preziosi:

I.    Ideazione
II.   Lavorazione
III.  Assemblaggio
IV.  Finitura

Per i settori tessile/abbigliamento, calzaturiero, pelletteria e pellicceria la fase del design è opzionale; il che significa che è facoltà delle imprese inserire o meno l’indicazione del Paese nel quale è stata effettuata.
Nel settore dei metalli preziosi tale fase è obbligatoria.

Per maggiori informazioni consultare il REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITA’ VOLONTARIO DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE e i documenti normativi.